Micio non mangia, cosa fare?

0
1582

I gatti, si sa, in fatto di cibo sono particolarmente difficili ed in fondo, la scienza dice che non è nemmeno tutta colpa loro. Ma se a un certo punto il vostro micione è inappetente e smette di mangiare è bene cercare subito qual è il problema, perché altrimenti non si può intervenire.

Controllare osservandoli è, in questi casi, il metodo migliore che ha un proprietario per capire la fonte del malessere: si dovrà guardare bene le variazioni di comportamento del vostro gatto, solo in questo modo riuscirete a capire abbastanza velocemente se c’è qualcosa che va. Il consiglio, come sempre, è quello di rivolgersi al vostro abituale veterinario che, prima di rispondere dovrà eseguire un’accurata visita clinica sull’animale. Bisogna dire, però, che tra le principali cause mediche per le quali il micio non mangia potrebbero esserci dei problemi ai denti o alla bocca in generale che generano dolore durante la masticazione del gatto, oppure febbre. Altre cause più importanti possono essere insufficienza epatica o renale, cistite, gastrite, pancreatite, neoplasie e diabete.

E’ possibile che l’inappetenza sia anche data da cause psicologiche o di stress che non sono da prendere alla leggera. Per esempio, se di recente avete effettuato qualche cambio, come un trasloco, potrebbe non essersi ancora adattato ai nuovi odori e al nuovo ambiente. La stessa cosa vale se lo avete fatto viaggiare.

In questi ultimi due casi, una volta ambientato e sentendosi tranquillo il vostro micio riprenderà a mangiare come prima. L’importante però è sempre valutare la situazione perché per una gatto stare senza cibo per molti giorni può portare a conseguenze serie, quindi è bene portarlo dal veterinario. In altri termini, il gatto se non mangia, va a prendere energia dalla massa grassa, aggravando il lavoro del fegato. Ecco perché è necessario stare attenti e vigili con i propri amici: loro non hanno parole, ma il loro comportamento dice tutto.