Scossa: Il vaporetto elettrico di Venezia

0
690

 

Primo in assoluto, naviga ad emissioni zero lungo il Canal Grande di Venezia ed utilizza un generatore a gasolio solo per ricaricare le batterie durante la percorrenza della tratta lagunare esterna.

Il rivoluzionario vaporetto si chiama Scossa. E’ un battello che funziona ad energia elettrica e qualche giorno fa ha attraversato la tratta del Canal Grande da Ca’ Farsetti fino alla sede della Compagnia della Vela a San Marco portando a bordo il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, il presidente di Alilaguna, Fabio Sacco, il Country Division Lead Digital Factory e Process Industries and Drives Siemens Italia, Giuliano Busetto, e l’amministratore delegato Cantieri Vizianello S.r.l., Moreno Vizianello.

Questa imbarcazione è frutto di un progetto di mobilità sostenibile che ha come primo obiettivo la drastica diminuzione di consumo di carburante con conseguenze abbattimento di emissioni nocive nell’aria, inoltre si può godere di una navigazione molto silenziosa.

L’azienda di trasporto pubblico di linea Alilaguna, in collaborazione con i Cantieri Vizianello ha assegnato alla società Siemens lo studio e la progettazione di un sistema di spinta che impiega conoscenze già utilizzate nell’ambito automobilistico. La nuova idea di Siemens è relativa al metodo di propulsione: il battello è infatti mosso da un motore elettrico posto all’interno dello scafo che è alimentato da alcune batterie adatte per poter fornire sufficiente energia per navigare lungo il centro storico di Venezia, le stesse poi vengono ricaricate da un generatore a gasolio sempre presente sul battello, durante il tragitto esterno al centro.

L’imbarcazione Scossa può raggiungere i 30 km/h in aperta laguna con l’utilizzo del generatore che ricarica le batterie, mentre quando è attiva al 100% la funzione elettrica, raggiunge i 5/7 km/h all’interno dei canali che è la velocità massima consentita.

Il battello, con questo sistema, riesce a solcare il Canal Grande in silenzio totale ed in assenza di vibrazioni, riducendo anche la movimentazione dell’acqua.