Pensioni: a breve partono le “buste arancioni”, saranno inviate a 7 milioni di utenti

Permetteranno ai lavoratori di conoscere il proprio estratto conto previdenziale e conterrà una simulazione della pensione.

0
213

Saranno circa 7 milioni le “buste arancioni” che da aprile verranno, pian piano, recapitate nelle case di altrettanti lavoratori privati. Ma cosa sono e a cosa serviranno ? In pratica la missiva conterrà il nostro estratto conto previdenziale (i contributi versati per la pensione).

Ma non solo, la busta arancione conterrà anche una piccola simulazione della pensione che prenderemo nel momento in cui potremo abbandonare l’attività grazie al raggiungimento del numero di anni lavorativi previsti dalla legge. Le buste cominceranno a partire da metà aprile, si prevede che ne vengano stampate ed inviate circa 150 mila al giorno.

Ma perché questo invio ? L’iniziativa nasce da una accordo congiunto tra Inps e “Agenzia per l’Italia digitale”, grazie al quale gli italiani potranno scoprire la loro situazione pensionistica e permetterà loro di poter richiedere anche lo Spid, il codice per poter accedere ai servizi online.